CENTRO STUDI DI TERAPIA
FAMILIARE E RELAZIONALE
Scuola di formazione riconosciuta con DM del 29/9/94
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 246 del 20/10/94

Il nostro scopo è quello di formare terapeuti capaci di conoscere sé stessi e di lavorare con individui, coppie e famiglie.

L’attività dei nostri didatti è basata sul monitoraggio e sulla supervisione di esperienze personali nel primo anno e di situazioni cliniche con cui l’allievo entra direttamente in contato negli anni successivi.

Sapendo sempre con chiarezza che il corso è l’inizio di un percorso formativo destinato a durare per tutta la vita.

 

Produzione Scientifica

Area riservata

EU e-Privacy Directive

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo inserire questi tipi di cookies sul vostro dispositivo.

Hai rifiutato i cookie. Questa decisione può essere cambiata.

Avete permesso i cookie sul vostro dispositivo. Questa decisione può essere cambiata.

Regolamento delle attività didattiche

Regolamento delle attività didattiche approvato dalla Commissione Didattica del Centro Studi di Terapia Famigliare e Relazionale

 

Art.1  

Il Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale organizza le seguenti attività formative:

a) corsi di specializzazione in psicoterapia familiare e relazionale di cui alla legge 58/89 e successive circolari e decreti;

b) corsi di formazione all’attività didattica;

c) Masters annuali o biennali per figure professionali che operano nel campo della salute mentale e delle relazioni familiari

La gestione delle attività formative del Centro Studi si svolge nelle seguenti sedi formative riconosciute ai sensi dell’art. 3 dello Statuto: Istituto RANDOM , Via Morgagni, 32 00161 Roma - IPR, Via Reno,30 00198 Roma - IEFCoS, Via Lovanio, 11 00198 Roma - CTR Via Trinacria,32/34 95125 Tremestieri Etneo (CT) - Coop EMMECI, Via Sant’Antonio Da Padova, 12 10121 Torino - Centro Studi e di Applicazione della Psicologia Relazionale, Viale Vittorio Veneto, 78 59100 Prato - CHANGE, Via Imbriani,69 70121Bari – IPRA, P.zza Garibaldi, 35 65100 Pescara – CSTFR, Via B. Pontelli, 15/a 61029 Urbino.

 

Art. 2       COMMISSIONE DIDATTICA

La Commissione Didattica è presieduta dal Presidente del Comitato di Coordinamento di cui all’art. 22 dello Statuto ed è formata dai membri del Comitato di coordinamento e da tanti didatti quante sono le sedi del Centro ciascuno in rappresentanza della sua sede. Al suo interno hanno diritto al voto solo i didatti in attività riconosciuta da almeno 5 anni.

La Commissione Didattica assume decisioni a maggioranza semplice in ordine alla scrittura ed all’aggiornamento dei programmi didattici ed all’attuazione del regolamento per allievi didatti, vigila sull’attività didattica delle sedi e sulla formazione dei didatti decidendo, su proposta dei Comitati didattici di sede, della loro ammissione all’esame. La commissione può assumere provvedimenti di sospensione dell’attività didattica o di revoca della qualifica di didatta o di allievo didatta, su richiesta dei Comitati didattici di sede e del Comitato di Coordinamento, nei casi di comprovata insufficienza qualitativa o quantitativa della loro attività.

 

Art. 3     COMITATI DIDATTICI DI SEDE

Presso ognuna delle sedi convenzionate viene formato un Comitato didattico di sede formato da un numero minimo di 3 didatti che svolgono continuamente attività didattica presso la sede.

Il Comitato didattico di sede viene eletto ogni 3 anni con voto palese dall’assemblea dei didatti attivi presso la scuola.

Le decisioni del Comitato didattico di sede vengono prese a maggioranza semplice

I Comitati didattici di sede si occupano dell’organizzazione concreta delle attività didattiche nel rispetto delle indicazioni fornite dalla Commissione Didattica; collaborano alla predisposizione del piano di attività; documentano al Comitato di Coordinamento la presenza delle strutture e delle attrezzature necessarie per lo svolgimento delle attività didattiche; sono responsabili della conservazione, presso la sede, della documentazione relativa alla frequenza dei corsi da parte degli allievi; decidono sulla ammissione degli allievi ai corsi, della valutazione anno per anno del percorso dell’allievo e sulla ammissione all’esame finale.

 

Art. 4   CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA    

I corsi di specializzazione in psicoterapia Familiare e Relazionale organizzati dal Centro studi sono articolati in almeno quattro anni nel rispetto delle indicazioni fornite dalla legge 56/89 e di successivi decreti di attuazione. Al termine di ognuno di questi anni si prevede una valutazione finale del candidato per l’accesso all’anno successivo.

Il primo anno è dedicato ad una formazione di base del candidato.

La formazione pratica si svolge in gruppi di non più di dieci allievi e si basa sulla ricostruzione del genogramma, sulle sculture della famiglia, sulla simulazione di situazioni cliniche e su un lavoro autocentrato destinato a far crescere la conoscenza di sé da parte dell’allievo.

Nella seconda parte dell’anno è prevista l’attivazione del tirocinio.

Il secondo e terzo anno sono dedicati alla formazione terapeutica in supervisione diretta.

Il quarto anno è dedicato alla formazione terapeutica in supervisione diretta ed indiretta. Le attività previste in questa ultima fase sono prolungabili, in tutto o in parte, se il Comitato Didattico di Sede lo ritiene necessario, per un quinto anno di frequenza.

Ognuno degli anni di corso è organizzato su un totale di 500 ore suddivise, come da programma, fra attività di formazione teorica, di formazione pratica e di tirocinio.

 

Art. 5   VALUTAZIONE DELLE RISORSE PERSONALI DELL’ALLIEVO IN FORMAZIONE

Il Comitato didattico di sede deve provvedere al termine del primo anno ad una valutazione attenta delle risorse personali dell’allievo del suo livello di maturazione personale e dei rischi collegati alla prosecuzione immediata del suo percorso formativo.

Una valutazione dello stesso tipo viene fornita dal Comitato didattico di sede al termine del quarto anno di formazione e comunque nel momento in cui si propone l’allievo per l’esame finale. Il problema è anche qui quello di valutare i livelli di maturità personali dell’allievo nel momento in cui, al termine del percorso formativo, si sta decidendo di attribuirgli una responsabilità di terapeuta.

In caso di valutazione negativa del Comitato l’allievo può chiedere che la sua situazione sia valutata in sede di Commissione Didattica del Centro. In ogni caso, a distanza di almeno un anno, egli può presentare al Comitato didattico di sede domanda per essere riammesso ai corsi.

 

Art. 6   TIROCINI

Il tirocinio degli allievi iscritti al corso di formazione in terapia famigliare e relazionale si intende svolto presso il servizio di appartenenza per tutti gli allievi della scuola che svolgono un lavoro stabile presso strutture pubbliche o del privato sociale accreditate attive nel settore dell’assistenza psicologica psichiatrica e psicoterapeutica.

Il Centro Studi può stipulare convenzioni quadro valide per le sedi con strutture pubbliche e con strutture accreditate del privato sociale che diano la necessaria affidabilità. Altre convenzioni possono essere stipulate dalle singole sedi con questo tipo di strutture. Tutte le convenzioni e le attestazioni di tirocinio devono essere valutate dal Comitato Didattico di Sede che indicherà i didatti responsabili del rapporto con i professionisti attivi nelle strutture e dal Comitato di Coordinamento.

La durata minima del tirocinio è di 100 ore per anno. Nei casi in cui ciò sia possibile l’allievo verrà aiutato a frequentare per più di un anno la stessa struttura all’interno di un progetto, concordato fra didatti della scuola e responsabili della struttura, che tiene conto del suo percorso formativo.

 

Art. 7     LIBRETTO

La frequenza ai corsi, il superamento delle prove teoriche e la valutazione annuale dell’allievo vengono documentate dal Comitato Didattico di Sede e trascritte sul libretto personale dell’allievo. Il libretto viene predisposto a cura del Comitato di Coordinamento, viene consegnato all’allievo e deve essere presentato in sede d’esame finale.

 

Art. 8     ESAME FINALE

Lo svolgimento dell’esame per gli allievi che svolgono il corso di formazione in psicoterapia famigliare e relazionale prevede:

a) due relazioni teoriche-cliniche del candidato con riferimento ad almeno due delle terapie condotte sotto supervisione nel corso dell’iter formativo;

b) eventuale presentazione e discussione di un nastro relativo ad una terapia autonomamente seguita dal candidato;

c) una relazione del Comitato Didattico di Sede che documenta e motiva l’ammissione all’esame dell’allievo.

La Commissione è composta da cinque didatti scelti dal Comitato di Coordinamento di cui almeno quattro attivi presso sedi diverse da quella in cui l’allievo è stato formato, che esprimono un giudizio di idoneità e di non idoneità.

L’esame può essere ripetuto dopo un anno.

Al termine dell’esame sostenuto con esito positivo viene rilasciato un diploma di specializzazione in psicoterapia famigliare e sistemico relazionale ai sensi della legge 56/89 e dei successivi decreti di attuazione.

 

 

Art. 9     FORMAZIONE DEI DIDATTI

La formazione del terapeuta didatta in terapia familiare e relazionale prevede:

a) la partecipazione come osservatore-coadiutore ad almeno trecento ore di training tenute da un didatta del Centro;

b) almeno due anni di lavoro in supervisione diretta o indiretta avendo responsabilità, sotto il controllo di un didatta esperto, del gruppo e delle attività psicoterapeutiche portate avanti dal gruppo; le forme del controllo programmate con il didatta esperto, debbono essere approvate dal Comitato Didattico di sede; esse devono comunque prevedere la partecipazione ad almeno un terzo delle attività del gruppo di training.

c) partecipazione almeno mensile alle attività di supervisione clinica e didattica tenute da un didatta anziano su casi seguiti fuori dal training.

d) organizzazione e sviluppo di attività didattiche teoriche all’interno di programmi concordati con il Comitato Didattico di Sede.

e) aver ottenuto un parere positivo da parte del Comitato didattico di sede e della Commissione Didattica per l’ammissione all’esame;

f)   il superamento dell’apposito esame;

Le attività formative di cui sopra devono essere svolte nel corso di almeno cinque anni.

Resta comunque inteso che la valutazione del Comitato Didattico di Sede per l’ammissione all’esame finale è un giudizio complessivo che prescinde dalla durata della attività formativa di cui quelli richiesti dal regolamento sono soltanto i “livelli minimi”.

 

Art.10   ESAME PER I DIDATTI

Lo svolgimento dell’esame per i didatti prevede:

a) una relazione sulle attività didattiche svolte, predisposta dal Comitato Didattico di Sede;

b) la presentazione di un nastro da cui sia possibile verificare il lavoro svolto come supervisore,

c) una tesi predisposta su un tema attinente al suo percorso formativo.

La commissione è composta da cinque didatti, di cui almeno quattro attivi presso sedi diverse da quella in cui l’allievo è stato formato, che esprimono un giudizio di idoneità o di non idoneità.

L’esame può essere ripetuto dopo due anni.

Al termine dell’esame sostenuto con esito positivo viene rilasciato un diploma abilitante allo svolgimento delle attività didattiche del Centro.

 

Art. 11   AMMISSIONI AI CORSI

Possono essere ammessi al corso di training in Terapia Famigliare e Relazionale i laureati in psicologia ed in medicina e chirurgia soci allievi del Centro Studi, iscritti ai rispettivi albi o purché conseguano il titolo di abilitazione all’esercizio professionale entro la prima sessione utile successiva all’effettivo inizio dei corsi stessi. Gli allievi sono comunque tenuti ad iscriversi all’Associazione, in qualità di socio-allievo fin dall’inizio dei corsi.

Abbreviazioni di corso basate sulla formulazione di programmi personalizzati possono essere concesse dal comitato didattico della singola sede sulla base di idonea documentazione che attesta una formazione precedente dell’allievo presso scuole riconosciute anche in periodi precedenti al riconoscimento ma comunque successivi alla data di approvazione della legge n. 56/1989.

Possono essere ammessi al corso di allievi didatti i soci ordinari del Centro Studi che ne fanno domanda . La selezione dei soci richiedenti viene svolta dai didatti del Comitato di Coordinamento che definiscono una graduatoria a cui le sedi convenzionate attingono sulla base degli spazi formativi disponibili.

Le condizioni di socio e di socio-allievo del Centro Studi deve essere mantenuta ininterrottamente da tutti i partecipanti ai corsi fino al momento dell’esame finale.

 

Art.12   DIRITTI E DOVERI DEGLI ALLIEVI

Tutti gli allievi devono prendere visione, prima dell’inizio del corso, dello statuto del Centro Studi, del programma relativo al loro corso e delle norme contenute nel presente regolamento firmandone una esplicita accettazione. In particolare gli allievi devono dichiarare di essere nelle condizioni previste dall’art.12 e devono accettare le indicazioni relative alle ore annuali di frequenza e alle condizioni cui è sottoposta la loro valutazione.

Nel caso in cui l’allievo dissenta dalle decisioni prese dal Comitato didattico di sede può inoltrare ricorso alla Commissione Didattica del Centro Studi il cui giudizio non è appellabile.

Gli allievi didatti ed una rappresentanza degli allievi dei corsi di psicoterapia e di consulenti famigliari formata da un allievo per anno di corso è ammessa in qualità di osservatore nelle riunioni dei Comitati didattici di sede tranne nei casi previsti dall’art.5.

I rappresentanti degli allievi vengono eletti nel corso di un’assemblea degli stessi; le sedi sono tenute ad offrire lo spazio necessario per tali riunioni.

 

Art. 13 STATUTO DEL CENTRO STUDI

Per quanto non contemplato del presente regolamento ed in particolare per ciò che riguarda funzioni e compiti del Comitato di Coordinamento, del Presidente, della Commissione Didattica, della Commissione Ricerca e del Collegio dei Probiviri si fa riferimento allo Statuto del Centro Studi di Terapia Famigliare e Relazionale.

 

Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale - 00198 Roma Via Reno, 30  tel. 06 8530 5635 - COD. FISC. 01704760584